I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. 

      

Pin It

 

LA BIODIVERSITÀ NELLA TERRA DEI MESSAPI

Il percorso parte dal parco archeologico delle Mura messapiche che si estende per 150.000 metri quadri a nord-est del comune di Manduria, in provincia di Taranto. Al suo interno sono conservati ampi tratti della triplice cerchia di mura che in età messapica circondava la città, la più grande necropoli messapica mai scoperta, circa 2.500 tombe databili dal VI al II secolo a.C. Di notevole interesse il Fonte Pliniano, un pozzo alimentato perennemente da una falda acquifera sotterranea. Prende nome da Plinio il Vecchio che lo descrive nella Historia Naturalis trasmettendo una intensa suggestione di arcano e di magico. Ancora oggi il vasto ambiente in penombra lascia immaginare come aleggiante la presenza degli antichi messapi.

 

Sosta e visita presso

MASSERIA DIDATTICA IL NOCE

a Manduria

La Fattoria Il Noce inizia la sua attività producendo vino rosso Primitivo, con uve proveniente dai propri vigneti con metodologie biologiche. Dopo qualche anno comincia a trasformare le proprie uve anche in succo d’uva e inizia un’attività di trasformazione dei propri prodotti promuovendo il metodo biologico. Oggi la Fattoria Il Noce è una Cooperativa Sociale che oltre a gestire l’attività di agriturismo, opera nel sociale coinvolgendo i propri ospiti in attività di vita reale.

Segnaliamo
Cantina Sociale di Manduria con annesso museo etnografico ipogeo della civiltà contadina
per fare un salto nel passato e assaporare i profumi e i sapori del primitivo di Manduria.
Cantina cooperativa sociale di Manduria Indirizzo:
Via per Lecce, 25, Manduria TA Telefono:099 979 6045

 

Un tuffo in piscina presso

MASSERIA DIDATTICA DONNA CLEMENTINA

Castellaneta Marina (Ta) CONTRADA ORSANESE MATINELLE Referente Maria Grazia Mastrangelo 3398206479 Immerso nel verde della campagna della riviera ionica, terra delle clementine, è il luogo ideale per trascorrere un periodo di assoluto relax, a due passi dal mare, in un’atmosfera calda e familiare. La famiglia Mastrangelo da generazioni coltiva con metodo biologico agrumi, ciliege e ortaggi come caroselli, melanzane bianche e dolcissimi pomodorini con cui realizza ottime pietanze tipiche e squisite marmellate e confetture.

 

 

Segnaliamo

MASSERIA RUSSOLI

Crispiano (Ta)
Referente Donato Tagliente
tel. 099 7307513 – cell. 3337467897
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Nelle campagne tra Crispiano e Martina Franca è davvero suggestiva la visita della settecentesca Masseria Russoli, il cui nome deriva dal termine dialettale con cui gli abitanti del posto chiamano i corbezzoli, frutti che maturano nell’anno successivo rispetto alla fioritura che dà loro origine, in autunno. Parco naturalistico di proprietà della Regione Puglia, al centro di un territorio di inestimabile valore storico, naturale, paesaggistico e architettonico in cui si conserva il patrimonio genetico di una razza straordinaria come quella dell’asino di Martina Franca.

 

Per gli amanti delle

passeggiate immersi nella natura

IL BOSCO DELLE PIANELLE

E’ il posto ideale per andare a caccia di farfalle tra siepi e cespugli in fiore. Riserva naturale regionale dal 2002, adagiato lungo i versanti della Gravina delle Pianelle, segna il confine tra i territori dei comuni di Crispiano, Martina Franca e Massafra e rappresenta uno dei biotopi ancora ben conservati presenti sul territorio pugliese. Le sue cavità carsiche contengono le più antiche tracce della storia del popolamento umano della Murgia tarantina: manufatti del paleolitico medio e superiore accuratamente lavorati, resti faunistici appartenenti a specie ormai estinte. Un altro aspetto distintivo è la presenza di quei particolari ed enigmatici monumenti megalitici costituiti dai dolmen, di cui il territorio intorno alle Pianelle è ricco, in particolare nei pressi della masseria Piccoli e in quella della Ginestra. Il fenomeno dell’inversione termica inoltre, permette un’enorme ricchezza e varietà floristica. Di particolare richiamo, poi, sono le numerose specie di mammiferi che vivono nella riserva come la donnola, il tasso e la volpe immersi nei profumi del bosco tra ginepri, mirti e orchidee selvatiche.